Palmento Costanzo: il lato buono dell’Etna

Oggi torniamo ai piedi dell’Etna.

Tra le colate laviche abbiamo scoperto questi vigneti di Nerello Mascalese e Cappuccio, Carricante e Catarratto che portano nei loro grappoli oltre 100 anni di storia.

La famiglia Costanzo decide nel 2011 di iniziare un restauro conservativo di un antico palmento risalente alla metà del 19° secolo e di trasformarlo in cantina: oggi l’azienda PALMENTO COSTANZO conta su 10 ettari di vigne coltivate ad alberello etneo – appoggiate ad un palo in castagno – che si estendono su 100 terrazzamenti sostenuti da muretti in pietra lavica tra i 600 e gli 800 metri di altitudine.

Azienda sensibile a tematiche ambientali produce in regime biologico. La ristrutturazione ha permesso di poter effettuare le lavorazioni in cantina con il minor utilizzo possibile di energia: attraverso l’utilizzo di un sistema a caduta, la spremitura delle uve avviene nella parte più alta del palmento (dove trovano posto anche i tini di fermentazione) per precipitare poi in vasche di acciaio posizionate al livello intermedio e concludere la maturazione nella bottaia al piano inferiore. Una bottaia moderna nel quale trovano spazio,  oltre a grandi botti da 3000/5000 litri, anche 4 botti a forma di uovo da 2000 litri che consentono un naturale bàtonnage per effetto dei naturali moti convettivi dei liquidi.

Tutto questo si trasforma in 3 interessanti assaggi che ora vi raccontiamo.

MOFETE, un ETNA ROSATO DOC prodotto con uve di Nerello Mascalese in purezza: dopo 2 giorni a contatto con le bucce si presenta di un bel rosa corallo intenso. Profuma di violetta, di erica, con una nota minerale fresca. In bocca ritroviamo freschezza, pompelmo rosso e melagrana, un’acidità piacevole accompagna un ritorno minerale.

BIANCO DI SEIETNA DOC BIANCO – viene realizzato con uve Carricante (70%) e Catarratto (30%) cresciute su viti con anche 120 anni di età. Dopo una maturazione di 6 mesi in acciaio e un affinamento di 6 mesi in bottiglia, profuma di Sicilia. Di color giallo paglierino esprime la terra dalla quale proviene: profumi di agrumi, di fiori bianchi, di erbe aromatiche, di salvia e di pietre laviche trovano in bocca una vena sapida intrigante e fresca che lo fanno durare a lungo.

NERO DI SEIETNA DOC ROSSO – prodotto con uve Nerello Mascalese (80%) e Nerello Cappuccio (20%). 24 mesi in botti di rovere francese e 12 mesi di affinamento in bottiglia. Alla vista un rubino acceso. Al naso domina la frutta rossa di bosco senza dimenticare la mineralità che segna queste uve. Il palato è avvolto da una pienezza vellutata di un tannino morbido; un finale di mandorla lascia, per lungo tempo, una nobile piacevolezza.

Una curiosità: la parte scura delle etichette di BIANCO DI SEI e NERO DI SEI è prodotta utilizzando polvere lavica, permettendo così di avvicinarsi, anche solo con il tatto, a queste terre.

Tutte le informazioni sull’azienda le trova qui: http://www.palmentocostanzo.com/

Continuate a seguirci, tante altre bottiglie ci aspettano!

(Visited 96 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *