Claudia e Giulia – le sorelle BENAZZOLI

Le visite in cantina durante le nostre vacanze continuano: siamo andati a trovare Claudia e Giulia di cantina Benazzoli.

28 ettari vitati divisi tra Bardolino e la Valpolicella.

Le viti site a Pastrengo, di 20 e 40 anni, ad un’altitudine di 190 metri s.l.m. vengono coltivate a pergola e guyot: Corvina, Rondinella, Molinara, Pinot Grigio e Garganega i vitigni che crescono su terreni collinari di origine morenica a prevalente scheletro ghiaioso e vendemmiati in modo manuale.

A Sant’Ambrogio di Valpolicella, su terreni calcarei argillosi a 440 metri s.l.m., viti trentennali di Corvina, Rondinella e Molinara vendemmiate manualmente verso la metà di settembre.

Una storia nata tanti anni fa grazie all’amore del padre per questo territorio e che oggi ritroviamo nei racconti e nei gesti delle sorelle che si sono prese per mano e insieme hanno traghettato la cantina fino ai nostri giorni. Enologa Claudia e agronoma Giulia, grazie agli insegnamenti della famiglia, agli studi e alle innate capacità, guidano la cantina in modo eccellente.

Occhi grandi e profondi, cuori caldi e sorrisi contagiosi.

Claudia e Giulia, durante un pomeriggio come tanti altri, tra le solite chiacchiere, si pongono questa domanda: “Ma le nostre etichette raccontano di noi?” Un anno impegnato a riflettere su loro stesse e sulla loro storia porta a mettere nero su bianco le loro idee ed i loro sogni. Il risultato sono etichette bellissime, riconoscibili tra migliaia e da incorniciare.

Due giovani imprenditrici che sanno di poter essere di ispirazione alle donne in prima linea sul lavoro, alle donne che portano avanti tradizioni e mestieri maschili, alle donne che usano la loro femminilità per cambiare linguaggi e modi di settori che rischiano di invecchiare.

Raccontano Benazzoli con un linguaggio nuovo, un linguaggio al femminile, ma che non parli di vino “da donne”, che non usi banalità come il colore rosa, i caratteri corsivi o gli stereotipi di genere: parlano di un vino “fatto da donne”, un vino capace di nuove sorprese, di nuovi linguaggi; parlano di un vino che sa essere forte, gentile, femminile, sensuale, appassionato.

Queste belle etichette vestono i vini che abbiamo assaggiato, vini che raccontano le donne a loro volta.

FEMME FATALE: È una donna maliziosa e attraente, già dal nome racchiude l’essenza pura della seduzione. Una donna desiderata, dai tratti misteriosi. Rosato Spumante Brut, Metodo Charmat, 80% Corvina e 20% Rondinella. Rosa chiaro con un fine perlage. Al naso fresco con note di rosa, fragoline e zest di agrumi autunnali. Un sorso sapido nel quale ritroviamo le note fruttate percepite al naso.

Pinot Grigio e Corvina

TECLA: È una ragazza alla scoperta del mondo, fresca ed esplosiva. Adora le lunghe serate, quelle caotiche e rumorose. Ama la vita, il divertimento, la voglia di vivere e l’essere amata. Chiaretto DOC. 80% Corvina e 20% Rondinella. Breve macerazione sulle bucce di 12 ore. Rosa acceso e brillante. Rosa, ciliegia, fragolina e agrumi arancio le note al naso e al palato. Fresco e ricco di giovinezza.

AGATA: È una donna adulta, affascinante con una mente brillante e positiva. È una donna colta che ama viaggiare, spesso da sola: ma con un bagaglio pieno di sogni. Pinot Grigio DOC delle Venezie. 100% Pinot Grigio. Paglierino molto chiaro con profumi minerali, erbe aromatiche e di piccoli fiori del campo. Un sorso nel quale la vena minerale e sapida si fonde alla materia fruttata della mela gialla.

DAFNE: È una ragazza ormai donna: ha voglia di diventare grande, ma ancora paura di abbandonare la sua spensieratezza. Attiva e dinamica, determinata, piena di gioia. Bardolino DOC. 80% Corvina e 20% Rondinella. Macerazione sulle bucce di 5-6 giorni. Rosso rubino-violaceo nel calice. Tornano i profumi di rosa, di ciliegia e fragoline arricchiti da un tono speziato. Un sorso semplice, fresco e pulito, nel quale si trova una leggera punta tannica. Un vino delizioso. Un rifugio sicuro.

GIAVA: È madre e moglie, fiera della sua vita e consapevole delle sue scelte. Porta avanti le sue idee, in maniera ferma e testarda. Corvina IGT Veneto. Corvina in purezza. Macerazione sulle bucce di 10 giorni. 6 mesi in legno e successivi 18 in acciaio. Rosso rubino intenso. Profuma di frutti rossi maturi, mora e lamponi, poi fiori e note resinose e balsamiche. Un sorso ben bilanciato tra la freschezza ed il calore, tra i frutti e i terziari. Un tannino morbido vela a lungo.

VALPOLICELLA SUPERIORE: Bianco e nero, luce e buio, volto e anima. L’essenza femminile, determinata ed elegante che racconta la nostra storia ogni giorno. Valpolicella DOC. Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. 6-7 giorni sulle bucce e 2 anni in acciaio. Rosso rubino acceso con decisi profumi di viola e ciliegia matura. Un sorso intrigante nella sua leggerezza e nel piacevole tono tannico.

VALPOLICELLA RIPASSO: Un corpo sensuale, bianco e femminile, intrecciato con il nero freddo e lucido del vetro: sono le due anime maschile e femminile che hanno scritto la storia di Benazzoli. Valpolicella DOC. Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. Dopo aver messo a contatto il Valpolicella base con vinacce residue dell’Amarone per 10-12 giorni ed aver fatto partire una seconda fermentazione, il vino riposa per 2 anni in botte di rovere. Un calice rubino-granato generoso nei profumi che ricordano i frutti del bosco e le spezie scure come chiodo di garofano e noce moscata. Il sorso è caldo. Tannino morbido e ricco di frutto.

AMARONE DELLA VALPOLICELLA: Vino e donna: forme morbide e seducenti, ricordo in controluce di un corpo femminile. E’ il vino a ritagliare le forme nella carta per contrasto, è il vino a diventare donna. Amarone della Valpolicella Classico DOCG. Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. Appassimento delle uve per 3 mesi in fruttaio. Pigiatura, fermentazione e macerazione in acciaio per 20-30 giorni e successivi 3 anni in botti di rovere. Intenso già alla vista nel suo color granato. Profumi infiniti: prugne disidratare, confettura di more, fiori essiccati, resina, cannella e pepe nero, sottobosco. Al palato esplode in una freschezza che non ti aspetti, il vigore dei frutti sì accompagna al tannino morbido e generoso. Finale molto lungo. Mi sono innamorato anche oggi..

MINERVA: Una donna sognatrice che passa le sue serate a leggere lunghi romanzi d’amore. Una donna gentile, dolce e affascinante – crede nell’amore eterno, nel colpo di fulmine e adora le storie a lieto fine. Passito bianco IGT Veneto. 100% Garganega. Appassimento delle uve per 60 giorni. Macerazione sulle bucce per 10-12 giorni. 2 anni in botti di rovere. Un gioiello dorato, pieno di dolcezza. Albicocca disidratata, agrumi canditi, pesche caramellate e cera d’api. Un sorso che rispecchia le sensazioni olfattive e aggiunge freschezza, note di miele chiaro e una equilibrata nota zuccherina. Mi sono innamorato ancora..

Durante la nostra visita è arrivata la telefonata con la quale sono stati comunicati 2 importanti premi ricevuti per Ripasso e Amarone: entrambi i vini hanno raggiunto un punteggio tra 90 e 92,99 aggiudicandosi il WineHunter Award ROSSO. Facciamo alle sorelle Benazzoli i nostri complimenti per questi importanti riconoscimenti sicuramente meritati. Non ci resta che andarle a trovare al Merano Wine Festival!!

Maggiori info sulla cantina Benazzoli a questo link: https://www.benazzoli.com/

Continuate a seguirci: le visite non sono finite..

Vi siete persi le precedenti? Nulla è perduto:

LETRARI – una famiglia di TRENTODOC | per un bicchiere

de TARCZAL – Vallagarina nel cuore | per un bicchiere

(Visited 27 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.