White Lady: la dama bianca dei cocktail

White Lady: la dama bianca dei cocktail

Come tutte le storie più interessanti, anche quella del White Lady comincia con un mistero: chi ha inventato questo cocktail fresco e aromatico, ricco di eleganza?

Le sue origini sono contese tra la Francia e gli Stati Uniti, ma a quanto pare la leggenda vede entrambi i paesi coinvolti. A quanto pare, infatti, in qualche punto degli anni Venti il grande Harry MacElhone, proprietario dell’Harry’s New York Bar di Parigi, si ritrovò a soccorrere un’elegante signora che stava per perdere i sensi, e inventò per lei sul momento un mix a base di gin, Cointreau e succo di limone. A quanto pare la miscela funzionò, e secondo la leggenda fu la scintilla che fece scoccare l’amore tra MacElhone e l’elegante signora, che era interamente vestita di bianco – ed ecco quale sarebbe il romantico motivo del nome.

Esistono altre teorie, secondo le quali il White Lady sarebbe stato un omaggio tutto francese all’operetta La Dame Invisible di François-Adrien Boieldieu, o in alternativa un omaggio statunitense a Ella Fitzgerald, che in abito bianco cantava Sophisticated Lady; bisogna ammettere però che è più affascinante pensare a un bartender ispirato dal colpo di fulmine per una bella Dama Bianca.

Il White Lady è un cocktail ufficiale IBA di tipo sour e, sotto la sua veste candida, nasconde un’armonia di gusto giocata sui toni degli agrumi e sul tocco pungente del gin.

Il Triple Sec utilizzato è molto importante per la definizione del gusto finale: se amate i sapori taglienti andrà benissimo una tipologia poco zuccherata e molto agrumata; in caso contrario, è possibile arrotondare un po’ con un filo di sciroppo di zucchero.

Qualcuno suggerisce di aggiungere l’albume, nonostante la ricetta ufficiale IBA non lo preveda: è vero che aggiunge consistenza e dona un bell’aspetto spettrale al drink, ma il sapore dell’albume appesantisce un po’ la freschezza del White Lady, a discapito dell’eleganza aromatica.

 

LA RICETTA DEL WHITE LADY

  • • 4 cl Gin
    • 3 cl Monin Triple Sec Curaçao
    • 2 cl succo di limone fresco

Fate raffreddare una coppetta da cocktail con dei cubetti di ghiaccio. Nel frattempo, spremete mezzo limone e filtratene il succo. Versate gli ingredienti in uno shaker con del ghiaccio, agitate per 15 secondi e versate nella coppetta usando un colino per filtrare. Decorate con una fetta di limone.

Vi piace? Qui trovate tutto il necessario: White Lady: la dama bianca dei cocktail – Spirit Academy

(Visited 38 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *