ANTEPRIME CERETTO

Lo scorso lunedì abbiamo avuto il piacere, e la fortuna, di partecipare alle anteprime dell’azienda CERETTO, solida realtà piemontese nata negli anni 30 ad Alba.

Ambientazioni circensi e grandi tendoni a strisce colorate ci hanno accolto in caldo pomeriggio milanese nel nuovissimo, anche se non ancora terminato, quartiere di CityLife. Grande la partecipazione di un pubblico preparato e curioso di conoscere le nuove produzioni.

Il banco d’assaggio delle nuove annate, situato nel padiglione dei grandi vini, aveva una proposta infinita di etichette che metteva in mostra tutta la potenza e la forza di questa azienda che non ha certo bisogno di presentazioni.

Non potevamo che iniziare con un prodotto molto conosciuto, BLANGÉ, un Langhe DOC prodotto con uve 100% Arneis della vendemmia 2016 e servito in formato magnum: nel calice di una trasparenza estrema con lievi riflessi verdi, con note minerali e di frutta a polpa bianca ed una freschezza quasi sapida con buona acidità.

Passiamo ai 2 prodotti della linea MONSORDO, un Langhe DOC BIANCO prodotto con uve 100% Riesling Renano (2016) ed un Langhe DOC ROSSO prodotto con uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah (2015) e dalla bottiglia facilmente riconoscibile: nel 2000, Italo Lupi la veste di una particolare grafica in rilievo. Il BIANCO che assaggiamo è di un giallo molto chiaro e quasi denso nel bicchiere: profumi freschi ed eleganti apparentemente semplici sorprendono poi il palato con complessi sapori quasi dolci di ananas e pesca sciroppata. Un vino molto interessante che assaggeremo di nuovo sicuramente.

Il ROSSO nasce dai tre vitigni lavorati separatamente, compreso l’affinamento in legno, e poi assemblati per realizzare questo blend di un bel violaceo interessante che profuma di legno, di leggere spezie nere, con il sorso energicamente tannico e ricco di mature ciliegie, lungo il finale.

Prima di arrivare ai big facciamo un assaggio di PIANA, una Berbera d’Alba della vendemmia 2016, elevata in acciaio, di un bellissimo color rubino con onde violacee, quasi un succo d’uva, che al naso profuma di uva e di frutti rossi ed in bocca serve morbidi vinaccioli legati ad una buona acidità.

Ed eccoci arrivati al BARBARESCO (100% Nebbiolo): non solo un’etichetta presente ma ben 3.

Iniziamo con ASILI della vendemmia 2014: molto giovane, fine e potente, di un bel granato luminoso, con note di prugna disidratata accompagnate da un lontano tabacco e da una ben presente tannicità – ci aspettiamo una grande longevità. Passiamo a BERNADOT, anch’esso 2014, dal colore cristallino simile al precedente: più armonica ed equilibrata la nota tannica che si sposa con sentori di mora e ciliegia. Chiudiamo la pagina Barbaresco con un BERNARDOT 2010 (c’è stata una piccola variazione del nome negli ultimi anni ma il vigneto è lo stesso del precedente), dallo splendido color granato con un’unghia che tende all’arancio, con profumi di pellame e cuoio, ricordi di dattero, vellutante in bocca con finale lunghissimo.

Abbiamo chiuso la nostra esperienza Ceretto con i BAROLO (100% Nebbiolo): cosa avremmo potuto fare altrimenti? Sono stati 4 i nostri assaggi: i primi 3 dalla vendemmia 2013, partendo da BRUNATE, un bel giovane color mattone con sentori di ciliegia e note legnose, dalla beva pronta. Ci siamo poi spostati su PRAPÒ, un Barolo con tonalità simile al Brunate ma che risulta, per nostra sfortuna, un pochino chiuso e con profumi di frutta rossa più contenuti e meno intensi. Prima di concludere, 2 annate di BRICCO ROCCHE: la 2013 vinosa e morbida, con frutti rossi sotto spirito ed un tannino avvolgente, quasi un infanticidio tante sono freschezza e giovinezza, e la 2005, di un indimenticabile granato intenso, fragranze di tamarindo e noce moscata, ciliegie e pellame, persistenza e finale infiniti.

Oltre alle etichette di Ceretto erano presenti anche quelle delle aziende distribuite attraverso TERROIRS, progetto nato nel 2003 per proporre vini e distillati esteri in esclusiva sul territorio nazionale: ma questa è un’altra storia, o più di una, che vi racconteremo più avanti.

Tutte le informazioni sull’azienda le potete trovare qui: http://www.ceretto.com/it

(Visited 74 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *