Un Pinot grigio di nome AGATA

AGATA.

Azienda Agricola BENAZZOLI

Pinot Grigio in purezza.

Paglierino che diventa dorato.

Un naso ricco, pietroso e calcareo: erbe di campo abbracciano fiori di camomilla. L’iniziale pesca gialla acerba vira nella mela golden a bicchiere vuoto.

In bocca un veloce passaggio sapido ed un velo citrino. La pesca gialla si fa più matura e succosa. Un finale asciutto e molto piacevole.

Vendemmia 2019. 13% vol.

Una buona espressione di un vitigno relegato forse troppo spesso in un angolo nel quale non merita di stare.

Vignaiole 2.0

L’Astemia Pentita ed il suo Barolo Cannubi

Barolo Cannubi 2016 🍇 de L”Astemia Pentita

Rosso brillante con carezze granato.

Al naso è ricco di frutti rossi ai quali seguono agrumi essiccati e spezie scure con una nota balsamica incorniciata dalla vaniglia.

Al palato subito il tannino, morbido e lungo. Un cestino di freschi frutti di bosco.

Un Barolo da bere ora o da tenere in cantina a lungo, decidete voi: indipendentemente dalla scelta sarà comunque quella giusta.🍷

Non a caso è definita la miglior zona per il Barolo..

Bricco delle Passere oggi e domani. Tibaldi

Bricco delle Passere oggi e domani.
Un’evoluzione verso la meraviglia, un esperimento ben riuscito delle sorelle Tibaldi.

Criomacerazione e la magia del contatto con le bucce: un’intensità mai sentita prima.
Un nuovo volto del Roero Arneis che vi farà ingrandire gli occhi.
Preparatevi a fare le X sul calendario e a contare i giorni: l’uscita ufficiale è prevista per il prossimo mese di marzo 😉

Il Petit Verdot visto da Purovino

Dantés, ottenuto da sole uve Petit Verdot. Toscana IGT.

Un caldo color sangue, uno sciroppo di scuri frutti di bosco.

Intensità importante al naso: radici, corteccia, pigne, carrube, more in confettura, mandorla amara, tamarindo. Il piccolo mondo di gnomi e folletti che si risveglia al sorgere del sole.

La bocca si fa ruvida col tannino vivo. Vegetale. Il grado ben amalgamato (14,5% vol).

Vendemmia 2016: un vino in piena adolescenza con una lunga vita davanti. 👏🏻👏🏻👏🏻

Purovino

Il Timorasso di Cascina Montagnola

MORASSO. Vendemmia 2012. Timorasso in purezza.

Le uve vengono raccolte manualmente, in cassette da 15 Kg l’una, nella terza decade di Settembre.

12 mesi in serbatoi d’acciaio alternando travasi a periodi di affinamento sulle fecce nobili.

Alla vista un paglierino dorato con velature verdi.

Al naso è intenso e maturo: cedro quasi candito, nocciole, la nota alcolica che si fa sciroppo. Il minerale si fa ferroso.

Read More “Il Timorasso di Cascina Montagnola”

LANDEREN. Una vendemmia indimenticabile

Eccolo qui LANDEREN, a quasi 3 anni da quella vendemmia storica, questo Blanc de Morgex et de La Salle che rimarrà nella storia e nella memoria di tutti i vignaioli della Valle d’Aosta.

Anno drammatico il 2017, solo 1,2% di uva salvata, pochissime le bottiglie prodotte (leggi  qui https://www.perunbicchiere.it/2018/12/31/landeren-un-vino-speciale-per-una-vendemmia-sconvolgente-nel-vero-termine-della-parola/ ).

Molti sanno che il Prié Blanc è nel nostro cuore ed in questo caso lo si guarda ancor di più con gli occhi dell’amore 😍😍

Il colore paglierino pallido, regale, accompagna profumi quasi caldi di mela gialla, golden, ancora croccante al morso, carnosi petali di fiori bianchi e il cuore dei frutti bianchi, quella parte vicina al nocciolo.

In bocca non esprime appieno la potenza del vitigno ma lascia spazio a quella parte elegante che rimane solitamente in disparte e dietro le quinte: morbido, soave, una mineralità evoluta che si accompagna ad un ricordo tropicale.

Questo vitigno lo puoi girare sottosopra, puoi farne quel che vuoi, ma resterà sempre un esempio di grandezza.

Un peccato averne così poco. Cave Mont Blanc

Il Rosé visto da Camilucci

Questo rosé nasce dalla selezione di sole uve Pinot Nero.

Breve macerazione sulle bucce.

Almeno 36 mesi sui lieviti ed altri 6 in bottiglia per completare l’opera.

Corallo rosa, trasparente.

Al naso vincono le note rosse: ciliegie e fragoline, un fresco e delicato sottobosco. Classici ricordi di champenoise in chiusura.

In bocca un elogio alla sapienza: a 2 anni dalla sboccatura questo vino si presenta ricco, equilibrato, potente.

Godiamone. 😍😍🍾🍾 

Tiraggio maggio 2014 – sboccatura luglio 2018. Pellegrini Spa Camilucci