The Glenrothes Vintage 2001: un bel finale di serata..

The Glenrothes distillery vintage 2001. Sempre buono.

Il colore è un bellissimo giallo dorato.

Al naso è caldo con note di cereali dolci, biscotti, caramello, uvetta e scorza d’arancia candita, vaniglia, buccia di mela e cannella.

Al palato note speziate, di scorza di limone, di miele millefiori, un leggero panettone con uvetta sotto spirito.

Cremoso. Un finale lungo, dolce e legnoso.

Un bel finale di serata.. Imbottigliato nel 2013, 43% vol.

Autoctono si nasce 2019: inizia così l’anno meneghino di GoWine

Iniziamo il 2019 con un appuntamento ormai consolidato dell’associazione Go Wine: Autoctono si nasce. Giunto alla sua undicesima edizione, promuove la straordinaria ricchezza e varietà del patrimonio viticolo italiano. Come sempre importante presenza di produttori e grande affluenza di pubblico: potremmo definirlo un inizio col botto!

Non a caso i nostri assaggi che andremo a raccontare iniziano con 2 “tappi volanti”.

Il primo, LÜSAREIN, nasce da uve Timorasso in purezza; uno charmat lungo dell’azienda EZIO POGGIO molto chiaro e verdolino. Una spuma molto fine lascia uscire note di agrumi, limone e chinotto, e minerali calcaree. Il sorso è piacevolissimo e molto fresco: una buona spalla acida e la sapidità presente anticipano un finale amarognolo. Il ri-assaggio è stato doveroso. Read More “Autoctono si nasce 2019: inizia così l’anno meneghino di GoWine”

Congedo, il Gutturnio di Mossi

Domenica sera e fuori fa freddo: che si fa? Si stappa un rosso!

CONGEDO. #Gutturnio classico superiore 2013 della cantina Mossi 1558.

Rosso rubino che tende al granato.

Potente al naso: ciliegia rossa, legno, cuoio, incenso quasi vanigliato, noce moscata, una punta di cannella e del chiodo di garofano leggero.

70% Barbera e 30% Croatina. 24 mesi di affinamento, parte in botte grande e parte in barrique.

Al sorso torna tutto con un morbido tannino. Pieno e ben equilibrato. Il frutto rosso rimane vivo nel lungo finale.

Che bottiglia 👍🏻👍🏻 Brava Silvia Mandini 👏🏻👏🏻👏🏻

Vermut, what else?

#AutoctonoSiNasce di Go Wine: tanti vini presenti e diversi assaggiati (ma ne parleremo nei prossimi giorni).

Vi segnaliamo con piacere la chiusura di serata: il Vermut Rosso di Tenuta Tamburnin.

Da vino Chardonnay e puro zucchero di canna ai quali viene aggiunto un macerato di erbe, in alcool, come assenzio, genziana, rabarbaro, vaniglia e camomilla.

Nei cocktail più famosi di Piemonte e Lombardia saprà sicuramente dare un contributo importante.

Da bere da solo, ma non in solitudine, è di una piacevolezza delicata ed intensa: ruffiano al punto giusto, quasi da non averne mai abbastanza. 👏🏻👏🏻👏🏻

Un nuovo vestito per le uve Nebbiolo

#Albugnano: uve Nebbiolo in purezza.

Il colore è brillante, un bel rosso ciliegia.

La ciliegia fresca la troviamo anche al naso come compagna delle morbide note di cuoio, delle note terrose, quasi laviche, e di una speziatura leggera.

Il sorso è molto equilibrato e delicatamente tannico: tornano il pellame ed i frutti rossi, erbe aromatiche nel finale di buona lunghezza.

Vendemmia 2015.

14,5 % vol. che non si fanno sentire.

Proprio bravi a Tenuta Tamburnin. Valeria Gaidano 👏🏻👏🏻👏🏻 Claudia Gaidano

Castelfeder ed il suo Gewürztraminer

50 anni di storia e tre generazione della famiglia Giovanett sono dietro a questa bottiglia di Gewürztraminer dell’azienda vinicola CASTELFEDER.

Il nome Vom Lehm, letteralmente “dall’argilla”, vuole quasi sicuramente legare queste uve al territorio della Bassa Atesina, zona situata nella parte più a sud dell’Alto Adige, nel quale nascono e maturano.

Color giallo quasi dorato.

Profumi intensi e che durano a lungo: camomilla, the al bergamotto, verbena, mele disidratate e punte mielate. Read More “Castelfeder ed il suo Gewürztraminer”

Go Top