Kerner di Nals Margreid

#kerner. Cresce in una piccola area a sud-est di Nalles che vanta il miglior suolo possibile per la caratterizzazione di queste uve. Il suo leggero suolo morenico contiene anche rocce primitive e porfido, consentendo alle radici delle viti di penetrare in profondità e ricavare così molti sali minerali preziosi che troviamo al naso ed al palato.

Un verdolino brillante con profumi di mandarino, di mapo, di ricciolo della vite e corteccia in lontananza.

In bocca spinge con la sua struttura ben equilibrata: l’agrume é pieno di succo, i minerali arrivano subito dopo, il tutto in una splendida acidità che non vuole lasciarci. 13,5% vol. Vendemmia 2016. Bravi a Nals Margreid 👏🏻👏🏻👏🏻

Il Parroco ed il suo Ruchè

Dopo tanto torniamo al #Ruchè. Un vino che non delude mai e che Luca Ferraris è capace di rendere unico.

Il suo Vigna del Parroco della vendemmia 2016 si presenta rosso rubino con i primi accenni di maturazione.

Profumo intenso di more, grandi, in confettura, carrube e spezie quasi dolci.

In bocca fa sentire la sua forza: tutto torna in compagnia della spezia scura, un leggero pepato, che anticipa un finale di confetto. Lungo.

La gradazione di 14,5 si fa sentire ma resta ben amalgamata. A noi è piaciuto. E bravo questo don Giacomo.. 👏🏻👏🏻👏🏻 Ferraris Agricola

Una Strong Ale che profuma di Sardegna

Oggi #birra 🍺.

Una Strong Ale dedicata ai 4 mori. Le bacche di mirto sono l’ingrediente speciale di questa birra prodotta da Beautiful Rebels – birra ribelle.

Colore dorato caldo con una bella schiuma che dura a lungo.

I profumi sono molto interessanti: con i malti ci sono le foglie d’alloro, la menta piperita, la liquirizia in radice ed ovviamente il mirto, forse bianco.

É fresca. In bocca piace per la sua beva non estremamente impegnativa anche se con 9 gradi sulle spalle.

Nel suo insieme è dolce ma lascia, in fondo ed a lungo, un leggero pizzicore da scorza d’agrume. Bravi questi ragazzi di Arluno. 👏🏻👏🏻 Lotto L2817/SA, best before 02/2020. 🍺🍺🍺

Montebruna: la Barbera che guarda il Tanaro scorrere

#MONTEBRUNA. Una Barbera d’Asti DOCG di Braida di Giacomo Bologna.

Vigneti a Rocchetta Tanaro.

Matura 1 anno in grandi botti di rovere.

Di un violaceo carico.

Profumi puliti ed intensi di piccoli frutti di bosco e ciliegie molto mature.

In bocca é una bontà: tutto torna, intenso e lungo.

Tannino fine, morbido.

Molto equilibrato. 14% vol. Vendemmia 2014.

Che buona questa Barbera..

Anche Paolo Conte ha voluto omaggiare queste terre..

Highland Park: buono non solo nel bicchiere

Selezione #tartancollection dell’amico Claudio Riva (impegnato in un tour americano per Whisky Club Italia).

Highland Park Whisky, 12 anni, 46% vol.

Frutta secca, cereali, vaniglia, una punta di fumo: un naso leggero e molto piacevole.

Il primo sorso punge leggermente per poi aprirsi in note di noci di macadamia, confetto, non solo mandorla ma anche la copertura zuccherina, legno e nocciole.

Lungo finale dolce. Ne vogliamo ancora..

L’etichetta ha una storia a sé, siate curiosi..

The Glenrothes Vintage 2001: un bel finale di serata..

The Glenrothes distillery vintage 2001. Sempre buono.

Il colore è un bellissimo giallo dorato.

Al naso è caldo con note di cereali dolci, biscotti, caramello, uvetta e scorza d’arancia candita, vaniglia, buccia di mela e cannella.

Al palato note speziate, di scorza di limone, di miele millefiori, un leggero panettone con uvetta sotto spirito.

Cremoso. Un finale lungo, dolce e legnoso.

Un bel finale di serata.. Imbottigliato nel 2013, 43% vol.

Congedo, il Gutturnio di Mossi

Domenica sera e fuori fa freddo: che si fa? Si stappa un rosso!

CONGEDO. #Gutturnio classico superiore 2013 della cantina Mossi 1558.

Rosso rubino che tende al granato.

Potente al naso: ciliegia rossa, legno, cuoio, incenso quasi vanigliato, noce moscata, una punta di cannella e del chiodo di garofano leggero.

70% Barbera e 30% Croatina. 24 mesi di affinamento, parte in botte grande e parte in barrique.

Al sorso torna tutto con un morbido tannino. Pieno e ben equilibrato. Il frutto rosso rimane vivo nel lungo finale.

Che bottiglia 👍🏻👍🏻 Brava Silvia Mandini 👏🏻👏🏻👏🏻

Go Top