Le nostre tappe a Morgex – in breve

Ha preso il via il nostro tour tra i produttori di Blanc de Morgex et de La Salle e sono iniziati gli assaggi della vendemmia 2020.
Due espressioni differenti dello stesso vitigno, segno che queste uve sanno prendere il meglio dal terreno che le nutre e dall’ambiente che le circonda: selvatico, minerale e verde in un caso, complesso, morbido e con note di frutta gialla nell’altro. Le scelte in cantina riescono poi a vestirlo in modi diversi rendendolo unico. Dobbiamo cominciamo a pensare che il futuro saranno i “cru” e che questo vitigno entrerà sempre con più forza ed orgoglio tra i TOP. Le nostre visite continuano.. 😉😉

 

Prosegue il nostro tour nelle aziende che producono il Blanc de Morgex et de La Salle ed oggi è toccato all’ Azienda Vitivinicola Pavese Ermes, produttore ormai consolidato, e a Café Quinson Winery, nuova realtà che ha lanciato il suo Blanc con la vendemmia 2019. Anche in questa giornata due vini unici: mascolino, un po’ burbero e agrumato in un caso, elegante, femminile, più morbido e delicato, pur mantenendo le caratteristiche minerali e verdi dell’uva, nell’altro caso. Confermiamo il nostro amore per questo vino e che la strada dei “cru” è il futuro: alcuni hanno già nel cassetto le idee 😉. Stiamo continuando a visitare le cantine e prendendo appunti per la seconda edizione della nostra guida 👍🏻👍🏻,
Ultime tappe del nostro tour tra i produttori di Blanc de Morgex et de La Salle. Siamo stati in visita a Cave Mont Blanc e da Maison Vevey Albert dove abbiamo assaggiato chiare espressioni del territorio: vini con una particolare ed equilibrata durezza, chiara mineralità, spiccata componente acida ed agrumata. Un calice che si fa compagno in ogni momento. Caparbio il finale vegetale.
Che dire, la vendemmia 2020 ha dato ottimi risultati: non ci resta che continuare gli assaggi con le bottiglie che abbiamo portato a casa e aggiornare la nostra guida. Stay tuned 😉
Avete già richiesto la nostra guida sul Blanc de Morgex et de La Salle? Blanc de Morgex et de la Salle: la guida | per un bicchiere

Blanc de Morgex et de la Salle: la guida

Grande novità!
Nasce la prima guida a firma Per un Bicchiere.it
Abbiamo stilato una guida secondo la filosofia che ci caratterizza, ossia “scrivere note brevi per lasciare più tempo all’assaggio” sul Blanc de Morgex et de la Salle, il grande vino bianco che ci appassiona prodotto da vitigno Prié Blanc ai piedi del Monte Bianco.
Questa è la copertina: per ricevere gratuitamente l’intera guida in pdf, inviate una mail con il vostro nome a info@perunbicchiere.it e ve la invieremo con piacere.
Qui di seguito i link in cui raccontiamo l’esperienza di due assaggi di questo vino unico ed inimitabile:
Conoscete Morgex? Sul sito del comune troverete molte informazioni su questo gioiellino e su cosa fare tra una degustazione e l’altra: Comune di Morgex – Home
Fateci sapere cosa ne pensate: le vostre opinioni sono per noi importanti.

Marziano ed il suo Prié Blanc

 

Marziano Vevey ha iniziato a produrre vino nel 1981 in seguito alla prematura scomparsa del padre, a soli 52 anni. Portando avanti il suo sogno e la sua preziosa eredità, aumentò la superficie vitata e la produzione di bottiglie.

La Crotta de la Meurdzie racchiude nei suoi 250 mq di superficie tutto ciò che serve per produrre ad oggi circa 4000 bottiglie di BLANC DE MORGEX ET DE LA SALLE DOC.

Con i nuovi impianti di quest’anno l’azienda lavora circa un ettaro di vigneto, parte di proprietà e parte in affitto, diviso in 14 parcelle.

Il progetto futuro sarà l’entrata in azienda di Samuele, nipote di Marziano, che ha frequentato l’Institut Agricole Regional ad Aosta e preso il diploma professionale di Tecnico Imprenditore Agricolo a San Michele all’Adige in Trentino.

A lui saranno consegnate le redini di questa piccola azienda che finora è stata un “hobby” di famiglia.

Sesto ed ultimo assaggio della nostra serata (solo per una questione alfabetica) questo blanc mostra nella sua trasparenza una nuance paglierina.

Al naso note fruttate di mela golden e delicate di tè OOlong, Poi leggeri richiami alla panificazione, al pane di segale, alla crosta dorata e quasi tostata.

Un sorso intenso e ricco nel quale si riaffaccia la frutta accompagnata da crostini di pane e frutta secca. Una nota minerale leggera e ben integrata. Si ha la sensazione di una lunga sosta sulle bucce e che sia stata svolta la malolattica (a questo magari ci potrà dare conferma o meno il produttore).

Un finale generoso e particolare nel quale fanno capolino note elevate, importanti, calde, quasi a ricordare il nobile distillato francese.

Una bottiglia molto interessante.

Vendemmia 2019, 11,5% vol

Andremo sicuramente a trovare Marziano e Valeria  per condividere con loro questo nostro assaggio.

Nel frattempo provate a scoprire di più: Crotta de la Meurdzie di Vevey Marziano | Facebook

Qui gli altri assaggi della serata:

Il Prié Blanc di Vevey Albert | per un bicchiere

Il Prié Blanc di Ermes Pavese | per un bicchiere

Il Prié Blanc di Carlo Celegato | per un bicchiere

Il Prié Blanc della Cave Mont Blanc | per un bicchiere

Piero Brunet ed il suo Blanc de Morgex | per un bicchiere

E’ stata la prima degustazione organizzata da noi e non sarà l’ultima: per questa abbiamo coinvolto amici, enotecari ed un enologo. Mica male!

Altre sorprese ci aspettano, continuate a seguirci!

Il Prié Blanc di Vevey Albert

 

L’azienda vitivinicola Maison Vevey Albert, situata nell’Alta Valle d’Aosta, alle pendici del Monte Bianco, è condotta dai fratelli Vevey che coltivano il loro Prié Blanc per il “Blanc de Morgex et de La Salle” ad un’altitudine di 1000-1100 metri s.l.m.

Fondata nel 1968 da Albert Vevey, pioniere della vitivinicoltura in Valdigne, coltiva vigneti di famiglia in Morgex e altri di proprietà del suocero in La Salle (1 ha di proprietà e 0,5 ha in affitto).

Albert, primo Presidente dalla costituenda “Association des Viticulteurs de Morgex” nei primi anni ’70, nel 1986 lascia l’Association per presentarsi al pubblico con la propria etichetta, nella quale appare un rimaneggiamento di un vecchio quadro di famiglia da parte del pittore Loggia.

Nel 1990 ne raccolgono l’eredità i figli Mario (Veterinario) e Mirko (Guardia Forestale) dedicando l’azienda di famiglia alla memoria del padre, coadiuvati dalla madre Adriana e dalle rispettive famiglie.

Una produzione annua di 10.000 bottiglie divise su 3 etichette: il classico, il Blanc Flapi ottenuto da uve stramature ed un metodo classico (1000 bottiglie uscite nel 2018 ed un nuova uscita prevista con la vendemmia 2020).

Durante la nostra serata dedicata a questo vitigno abbiamo assaggiato il classico.

Un bel paglierino pallido alla vista.

Dal calice salgono note fiorite di glicine e fruttate di pera. A seguire note che riportano alla memoria idrocarburi e pietra focaia.

Il sorso si presenta sapido e amaro, con espressioni agrumate, di chinotto, poi una percepibile nota di paglia. Nell’esteso finale appare una piacevole nota di amaretto.

Vendemmia 2019. 12% vol.

Questo è stato il quinto assaggio, qui trovi i precedenti:

Piero Brunet ed il suo Blanc de Morgex | per un bicchiere

Il Prié Blanc della Cave Mont Blanc | per un bicchiere

Il Prié Blanc di Carlo Celegato | per un bicchiere

Il Prié Blanc di Ermes Pavese | per un bicchiere

Volete sapere qualcosa di più? Cliccate qui: Viticulteurs Encaveurs Vallée d’Aoste – Scheda associato Maison Vevey Albert (vievini.it)

Ci manca ancora un’etichetta per concludere la serata: la racconteremo nei prossimi giorni.

Il Prié Blanc di Ermes Pavese

 

Ermes Pavese produce vino dal 1999 ma si è trasformata in un’attività a tempo pieno nel 2010.

In questi anni si sono inseriti in azienda i figli Nathan, che affianca Ermes con la sua piccola azienda di patate e farine di montagna, e Ninive, che segue la parte economica dell’azienda in contemporanea agli studi universitari.

La produzione è di circa 35.000 bottiglie annue.

7 gli ettari vitati divisi in 150 parcelle, circa 2 di proprietà ed il restante in affitto.

L’azienda produce 10 etichette compresa una grappa: questa è la prima.

Un paglierino pallido con lampi verdolini sono un premio per la vista.

Il naso nel calice scopre una velata nota minerale che anticipa i piccoli fiori bianchi dei prati di montagna. Seguono sbuffi leggeri di erba bagnata dalla rugiada ed una fine complessità del sottobosco.

La bocca accoglie il sorso piacevolmente ruvido e secco. Al primo impatto una nota aspra esplosa dalla scorza di limone che viene seguita in modo ben amalgamato da sentori lievi di corteccia e di radice di liquirizia. La vena minerale c’è, estensa e lunga, in un impeccabile equilibrio.

Vendemmia 2019. 12% vol.

Molto buono.

Con questo arriviamo a 4 espressioni del Prié Blanc, qui puoi scoprire gli altri 3 (e ne mancano ancora 2..):

Piero Brunet ed il suo Blanc de Morgex | per un bicchiere

Il Prié Blanc della Cave Mont Blanc | per un bicchiere

Il Prié Blanc di Carlo Celegato | per un bicchiere

Maggiori informazioni sulla cantina le potete trovare qui: Ermes Pavese – Vini Blanc de Morgex et de la Salle Valle d’Aosta – il sito ufficiale

 

Il Prié Blanc di Carlo Celegato

 

E’ arrivato il momento di Carlo Celegato e della sua interpretazione del Prié Blanc.

L’azienda è nata nel 1986; i 1800 mq di vigneti, tutti di proprietà e piantati tra il 1965 e il 1991, vengono lavorati dal sig. Carlo e dalla moglie mentre il resto dei membri della famiglia dà il proprio contributo nella fase dell’imbottigliamento.

Una produzione di 1200 bottiglie di un’unica tipologia distribuite quasi totalmente sul territorio regionale valdostano.

L’azienda segue le regole agroambientali evitando i diserbi e riducendo al minimo i trattamenti.

La vinificazione effettuata in modo artigianale riempi il calice di un color paglierino molto pallido.

I profumi leggeri portano alla mente il fieno, i prati, i fiori di camomilla. Poi note quasi terrose, di sottobosco. Selvatico e vegetale.

La buona spinta acida apre il sipario del palato: ritornano le nuance di fieno e di sottobosco che virano al salir della temperatura in mela golden e ananas ancora acerbi.

Questa è stata la terza bottiglia della serata di assaggio del Blanc de Morgex et de La Salle.

La prima: Piero Brunet ed il suo Blanc de Morgex | per un bicchiere

La seconda: Il Prié Blanc della Cave Mont Blanc | per un bicchiere

Qui trovate maggiori informazioni: Viticulteurs Encaveurs Vallée d’Aoste – Scheda associato Celegato Carlo (vievini.it)

Le bottiglie assaggiate durante la serata sono state 6, continuate a seguirci ..

Il Prié Blanc della Cave Mont Blanc

 

Nel 1983, sulle ceneri dell’ Association des Viticulteurs, è stata fondata la Cave Mont Blanc de Morgex et La Salle.

Una produzione media di 140.000 bottiglie su 18 ettari vitati, 4 gestiti direttamente dalla cooperativa (2000 mq di proprietà) e la restante parte di proprietà dei soci che conferiscono l’uva.

La prima etichetta della vasta gamma prodotta è proprio questa: ovviamente Prié Blanc in purezza.

Color platino con leggere sfumature verdoline.

Al naso è molto vegetale, erboso, con sentori di ramo di pomodoro, di pesca bianca non ancora matura, sfumature di pietra e quasi iodato.

Un sorso fresco, di spiccata acidità e con delicate fragranze agrumate, in particolare di lime, e citrine. Leggere note salate ed amare accompagnano la chiusura.

Vendemmi 2019, 11,5% vol.

Altre info sulla cantina le trovate qui: Il nostro vitigno | Cave Mont Blanc de Morgex et La Salle

Questo è stato il secondo assaggio della serata di degustazione di Blanc de Morgex et de La Salle. Il racconto del primo lo trovate qui: Piero Brunet ed il suo Blanc de Morgex | per un bicchiere

Abbiamo raccontato altro della cantina più grande di Morgex:

GLACIER: Prié Blanc – Cave Mont Blanc | per un bicchiere